Autore: Martino

Osare il ritorno: parla Karounga Camara, imprenditore in Senegal

Imprenditore, formatore, conferenziere, coach: Karounga Camara è un personaggio poliedrico, difficile da definire. La sua peculiarietà è causa e conseguenza di un percorso di vita che, pur cambiando continenti e ruoli, è sempre stato focalizzato su crescita personale, fiducia in sè stessi e visione di lungo periodo. L’abbiamo intervistato in occasione del lancio del suo libro “Osare il ritorno” dedicato alle diaspore africane in Europa. Benvenuto Karounga, di cosa ti sei occupato prima di diventare imprenditore? Grazie Martino, è un piacere essere qui! Ho studiato Matematica all’Università Cheikh Anta Diop di Dakar. Una volta laureato, ho insegnato per dieci anni...

Read More

Verso Sankara: due parole con Alberto Malanchino

Alberto Malanchino è un volto emergente del panorama della recitazione italiano. Milanese, classe 1992, si sta facendo notare in TV e a teatro. Proprio in questi giorni è in scena al Franco Parenti con uno spettacolo dedicato a uno dei leader più carismatici del secolo scorso: Thomas Sankara, presidente del Burkina Faso assassinato a 38 anni nel 1987. “Verso Sankara” è il frutto della riscoperta delle radici familiari di Alberto ma anche il tentativo di suggerire un nuovo rapporto con il continente africano, in cui ci sia più volontà di imparare che di insegnare, più curiosità per l’altro che paura o...

Read More

Chi ha paura del vudù? Una mostra per sfatare pregiudizi

Di cosa vi occupate? Vodoun. Vudù? Si, anche voodoo, vaudun o voudun. Siamo abituati alle reazioni sgomente dei nostri interlocutori. Siamo Lisa Regina Nicoli e Simão Amista: una coppia italo-brasiliana con una grande passione per l’arte africana. Abbiamo accumulato una vasta collezione di oggetti rituali che esponiamo con lo scopo di creare conoscenza e rispetto per un universo cosmogonico ignorato o deriso in Occidente (anche da tanti africani). Dire “vodoun” significa far balzare in testa immagini sconnesse: l’immancabile bambolina con gli spilli, il ghigno scheletrico di Baron Samedi a caccia di anime, fanciulle da salvare e malefici da spezzare. Queste immagini sono il frutto...

Read More

Chiara Barison: il volto italiano della TV senegalese

Trasferirsi in Senegal, un paese caldo, giovane e dinamico, sta diventando una scelta sempre più popolare. Sono oltre 2.500 gli italiani che provano a realizzarsi in questo ospitale paese dell’Africa Occidentale e ogni senegalese all’estero sogna un giorno di rientrare per investire i propri risparmi. Ma non è tutto oro quel che luccica. Occorre innanzitutto togliersi dalla testa alcuni pericolosi pregiudizi. Per esempio che “in Africa è più facile” oppure che “lì si vive con poco”. Proviamo a capirne di più con Chiara Barison, 37 anni, giornalista televisiva che vive da otto anni a Dakar. Se vuoi capire meglio le possibilità concrete di trasferirsi in Senegal (o in qualsiasi altro paese africano), entra in VADOINAFRICA: NETWORKING GROUP, la nostra community collaborativa!   Ciao Chiara, cosa ti ha portato a Dakar per la prima volta? Era il 2001, studiavo Scienze della Comunicazione a Trieste e sono andata ad Amiens in Erasmus: avevo diversi compagni di studi senegalesi che mi hanno invitata a trascorrere le vacanze nel loro paese di origine. Ventenne, spinta dalla curiosità, sono partita. Devo confessare che in quel primo viaggio il Senegal non mi aveva troppo affascinato. Ero però rimasta impressionata dai suoi tratti moderni, rendendomi conto che i media occidentali nascondono sistematicamente questo lato dell’Africa. Ho realizzato una tesi sul fenomeno della trasmigrazione senegalese nel Nord Italia proseguendo con un dottorato in Politiche Transfrontaliere sul tema del confine tra Senegal e Gambia tornando...

Read More

Kevin Jemann: porto l’afrofashion nel mondo

Realizzare abiti di alta moda in Camerun, capaci di attirare l’attenzione di tutto il mondo. Questo l’obiettivo di Jemann Couture, una della maison più in vista dell’Africa Centrale. Fondata da Andrè Jemann, compianto stilista scomparso nel 2010, l’azienda è guidata dal figlio Kevin. Valentina Canafoglia l’ha intervistato a Milano durante Afro Fashion Week 2018. Prima di iniziare, se già non ne fai parte, entra in VADOINAFRICA: NETWORKING GROUP Com’è nata Jemann Couture? Mio padre Andrè aveva studiato moda e design a Parigi negli anni ’70. Dopo aver lavorato per marchi del prêt-à-porter come Rodier e Ventilo ha scelto di rientrare in patria aprendo,...

Read More

Coupon Code

Save With Our FREE Coupon Code

ENTRA ANCHE TU!